Ultimi Articoli

Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One

Con una stampante All-In-One puoi stampare, scansionare, fotocopiare e faxare. Ecco i migliori 8 modelli sul mercato.

Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Condivisioni

Sia che si tratti di biglietti di viaggio, relazioni o contratti, numerosi documenti digitali richiederebbero ancora la versione stampata, altrimenti si potrebbe fare una brutta figura, qualora in treno vi venisse richiesto di mostrare il ticket. Oggigiorno, alla maggior parte degli utenti non basta una semplice stampante, visto che attualmente, anche per salvare sull’hard disk l’atto di matrimonio, occorre prima farne la scansione e chi lavora con un piccolo ufficio casalingo, necessita anche di inviare fax. Ed ecco quindi che si rende necessaria una stampante All-In-One, che, pur avendo un prezzo leggermente superiore a quello di un dispositivo che si limita semplicemente a stampare, consente di eseguire varie funzioni. Il test effettuato su otto modelli, svela quali sono le Multifunzione ideali per un uso casalingo e per l’ufficio.

I cavi per la stampante sono ormai superati, infatti, come tutte le candidate al test, oltre alla porta USB, offrono la connessione WLAN, che consente alla stampante di essere posizionata anche in un’altra stanza, non occupando spazio sulla scrivania. Un ulteriore vantaggio fornito dalla tecnologia wireless fa sì che il dispositivo multifunzione, collocato in un unico luogo, possa essere condiviso da altri componenti della famiglia, perché tutti potrannno accedervi agevolmente. Attraverso la connessione WLAN, anche con Smartphone e Tablet è possibile servirsi facilmente della stampante. A tal proposito tutti i produttori offrono le App idonee. Quattro candidate al test (Brother MFC-J5320DW, Canon Maxify MB2350, Epson WorkForce WF-2660DWF e HP Officejet Pro 6830) offrono anche la porta per il cavo Ethernet. Attraverso questa connessione, le funzioni di stampa e di scansione, tramite computer e notebook, va altrettento bene quanto quella via WLAN. Chi desidera stampare da Smartphone, dovrà prima accertarsi che il cavo Ethernet della stampante sia collegato ad un Router WLAN. Due candidate al test offrono anche un’altra tecnologia wireless: la Canon Pixma MG6650 e la Epson Workforce possono collegarsi via NFC, volendo stampare da Smartphone, non dispensa dall’installazione di un’App e quindi, l’utilizzo della connessione WLAN si rivelerà altrettanto valido.

Tutti i produttori offrono almeno due App per le loro stampanti All-In-One, una per stampare e scansionare e l’altra, con la quale è possibile cambiare le varie impostazioni. Ecco le App necessarie.

Brother iPrint&ScanHP ePrint
Brother SupportCenterHP All-in-One Printer Remote
Epson Creative PrintCanon Easy PhotoPrint
Epson Printer FinderCanon PRINT inkjetSELPHY

Con numerose stampanti All-In-One di vecchia generazione, la configurazione era piuttosto complicata: l’utente poteva collegare il dispositivo al Pc solo dopo una lenta installazione dell’apposito software e chi non seguiva le istruzioni correttamente, si ritrovava spesso con una stampante funzionante solo in modo parziale. Fortunatamente tutto questo non si verifica più: il metodo Installare dispositivo e poi attivarlo vale però solo per le due stampanti Canon, mentre per le altre candidate al test la procedura è rimasta invariata. Chi si limita solo a stampare, potrà evitare di installare il CD/DVD in dotazione, poiché con gli attuali sistemi operativi, come Windows 8.1, 10 o OS X 10.10, i driver appositi sono già installati. Anche gli utenti di Ultrabook, privi di unità DVD, non dovranno preoccuparsi, poiché il software per i dispositivi potrà essere scaricato agevolmente dal sito del produttore o, come nel caso della Epson, installato via Internet direttamente tramite Web Installer.

Tra tutte le candidate al test, solo la Brother MFC, la Canon Maxify, la HP Officejet e la Epson Workforce sono in grado di stampare, eseguire scansioni, fotocopiare e faxare. Nessuna delle stampanti è stata in grado di superare tutte le prove perfettamente e quasi tutte si sono distinte in una funzione specifica: la Epson, per esempio, ha offerto le scansioni migliori tra tutti i dispositivi testati. Entrambi i dispositivi di Brother sono in grado di stampare anche con orientamento orizzontale, consentendo quindi di stampare anche singoli fogli A3. In linea di massima, le stampanti possono essere divise in due categorie: i modelli più grandi e quelli più piccoli. I primi, che sono per lo più i dispositivi costosi, presentano uno scanner con alimentatore, offrono maggior spazio per i fogli e si prestano per essere utilizzati anche per uso ufficio.

Con questi modelli, i costi di stampa per pagine in bianco e nero, sono mediamente più bassi, nel corso del test, la Brother MFC-J5320DW si è distinta in modo particolare, infatti con una cartuccia XL, il costo di una pagina di testo è stato inferiore ad un centesimo. Nella stampa fotografica però, questa specialista per lavori d’ufficio, si è rivelata piuttosto lenta, infatti sono stati necessari ben tre minuti per stampare una foto 10 x 15, a differenza della Canon Pixma, specialista per le fotografie, che si è rivelata quasi quattro volte più veloce. I modelli più piccoli si presentano spesso più eleganti e non stonano neppure se collocati in soggiorno. Questi dispositivi, grazie alla loro progettazione, si rivelano indicati per utenti che stampano spesso fotografie: la Epson Expression XP-720, ad esempio, presenta addirittura un vassoio aggiuntivo per carta fotografica, nel formato standard 10 x 15. Sia la Canon Pixma che la Epson, sono corredate di una cartuccia extra d’inchiostro per fotografie. Tutto questo rincara il costo della stampa, ma conferisce alle foto una riproduzione cromatica più intensa, a condizione che le immagini vengano stampate su carta fotografica speciale. Su carta normale, questo inchiostro non procura alcun vantaggio.

Anche se il prezzo d’acquisto della stampante è conveniente, a seconda del tipo di stampa, una stampante a getto d’inchiostro potrà rivelarsi piuttosto costosa. Nel corso del test, è stato riscontrato che il costo delle pagine di testo ha oscillato per lo più da 1 a 2 centesimi e solo la HP Deskjet si è rivelata nettamente più costosa. Il costo delle stampe a colori si è rivelato ancora più salato: tra il modello più costoso (Epson Expression) ed il dispositivo più economico (Brother MFC-J3520DW) la differenza è stata di ben 32 centesimi, per una foto singola in formato standard 10 x 15.

Con qualche trucco è possibile però risparmiare inchiostro, per gli utenti che stampano in gran quantità si rivelano molto indicate le cartucce XL, mentre per coloro che usano poco la stampante, si confermano invece migliori le cartucce standard, il costo a pagina si rivela più elevato, ma nel caso in cui una cartuccia si secchi, a seguito di un prolungato non utilizzo della stampante, lo spreco risulterà inferiore, grazie al prezzo più basso. Fastidioso comunque il fatto che chi lascia sempre la stampante collegata alla presa elettrica (come consigliato da tutti i produttori) risparmierà sì, l’inchiostro necessario per inizializzare il dispositivo, ma dovrà sempre tenere conto del consumo di corrente, che oscillerà generalmente da 4 a 6 Watt. In modalità Stand-by, con un assorbimento di 1,6 Watt, solo la Deskjet si è rivelata nettamente più parsimoniosa della concorrenza.

Costi di stampa a confrontoTutti i modelli testati sono stati in grado di stampare semplici pagine di testo in modo piuttosto veloce, la più rapida è risultata la Canon Maxify, che ha stampato una pagina di testo in soli due secondi. I componenti meccanici per la gestione della carta si sono rivelati piuttosto rumorosi, in caso di prolungato utilizzo, i 15 Sone della Canon diventano insopportabili per l’utente. Nel corso del test, le scansioni sono state eseguite in modo più silenzioso, ma erano però percepibili dei fastidiosi sibili. Con alcune stampanti, come la Canon Pixma, è comunque possibile impostare la modalità silenziosa, che rende la stampa meno rumorosa, riducendo però di un terzo la velocità.

Conclusioni: tra le stampanti All-In-One testate, la Canon Maxify MB2350 si è rivelata la vincitrice del test, aggiudicandosi anche la vittoria per il rapporto qualità/prezzo. Ha stampato veloce e con qualità elevata e consente di caricare un’abbondante riserva di carta, ottima per chi stampa molto. La Brother DCP-J4120DW si è invece distinta per i bassi costi di stampa ed anche la possibilità di gestire carta DIN-A3. Vincitrice del rapporto qualità/prezzo tra i modelli piccoli è stata la Canon Pixma MG6650 che, pur non rivelandosi così parsimoniosa come la Brother, è risultata convincente per una veloce e buona stampa fotografica.

LE STAMPANTI ALL-IN-ONE DEL TEST

Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
2544
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One
Una stampante, mille funzioni. TEST Stampanti All-In-One

Spero di aver fatto chiarezza e di aver aiutato quanti più di voi nella scelta della vostra nuova stampante All-In-One, per eventuali domande, chiarimenti o segnalazioni di link non funzionanti, vi invito come sempre ad utilizzare l’apposita sezione Commenti in fondo all’articolo.

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO?

SE NON LO HAI GIÀ’ FATTO, AIUTACI A CONDIVIDERLO CON I TUOI AMICI

TI BASTA UN PICCOLO CLICK 😉

Condivisioni

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*