Ultimi Articoli

Project Ara: gli smartphone si venderanno a pezzi!

Il mercato degli smartphone da assemblare potrebbe rivelarsi davvero un'incredibile rivoluzione. Non si parla di un futuro lontano, entro il 2017 potremo comprare il nostro primo telefono su misura!

Project Ara
Condivisioni

Ormai sembra proprio essere ufficiale, l’anno prossimo Project Ara sbarcherà ufficialmente sul mercato. Ma che cos’è Project Ara? In sostanza stiamo parlando di un nuovo e rivoluzionario smartphone, e quando diciamo rivoluzionario non ci riferiamo all’ennesimo modello di cellulare dotato di una super fotocamera o di un sistema di riconoscimento delle impronte digitali, ma bensì di un prodotto concettualmente molto più ambizioso ed innovativo, uno smartphone completamente inedito che potrebbe dare un’influente scossa all’intero mercato.

Si adatta a te

L’idea di fondo, tutto sommato non è molto complicata da capire. Alla base dell’idea c’è una semplice domanda che in molti continuano a porsi da tempo, che senso ha continuare a buttare via telefoni ancora perfettamente funzionanti solo perché abbiamo bisogno di una fotocamera più performante o un po’ più di memoria RAM?

Quando, qualche anno fa i creativi di Google si sono posti questa domanda, la risposta ha dato come risultato proprio Project Ara, uno smartphone modulare, composto da piccoli blocchetti completamente indipendenti, ognuno dei quali può essere rimpiazzato singolarmente, lasciando tutti gli altri al proprio posto. Desideriamo un nuovo modello di fotocamera più potente? Nessun problema, basta sostituirla!

Project Ara 1

Tanti componenti, un’unica base

Il metodo di realizzazione di uno smartphone modulare è molto semplice da capire, Ara è infatti composto da una cornice di base contenente solo ed esclusivamente gli elementi fondamentali del dispositivo, come il processore, il GPS, l’antenna ed i sensori, mentre tutto lo spazio rimanente risulta essere vuoto, ma equipaggiato con connettori pronti ad associare ed alloggiare qualunque altro tipo di modulo. Serve per esempio una batteria più potente perché con quella che avete non arrivate a fine giornata? Sfilate semplicemente quella in dotazione e sostituitela con una più potente. Lo stesso discorso lo potete fare con altre parti come la fotocamera, gli altoparlanti o la memoria.

Project Ara 2

Una rivoluzione che potrebbe offrire molti benefici

Gli smartphone sono diventati ormai di fatto degli oggetti molto personali ed ogni utente li utilizza, oltre che per telefonare, per gli scopi più svariati. Senza ombra di dubbio un ingegnere, un chirurgo o un musicista hanno esigenze molto diverse tra loro, Ara potrebbe permettere a chiunque di adattare perfettamente il dispositivo alle proprie esigenze.

I vantaggi non finiscono certo qui, persone con difficoltà uditive o visive potranno installare facilmente degli altoparlanti più potenti o degli schermi supplementari, mentre chi ha l’esigenza di sentirsi più protetto potrà montare avanzati sistemi e lettori di impronte digitali.

Project Ara 3

I moduli a gestione vocale

Durante una conferenza riservata agli sviluppatori del progetto, Google ha annunciato l’uscita, entro fine anno, della nuova versione di Ara per gli addetti ai lavori. La grande novità sembra essere la presenza del supporto dei comandi vocali non solo per le normali funzioni dell’assistente vocale al quale siamo già abituati, ma anche per quanto concerne la gestione dei singoli moduli. Questa innovativa funzionalità permetterà, anche a chi non ha molta manualità, di sganciare e sostituire ogni parte senza rischiare nulla, semplicemente pronunciando: Ok Google, espelli il modulo.

Project Ara 4

Cosa ne pensate quindi di Project Ara di Google? Osservatelo un po’ all’opera nel video qui sotto e non dimenticate di iscrivervi alla nostra Newsletter o al nostro Feed Rss per rimanere sempre aggiornati sugli ultimi articoli pubblicati.

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO?

SE NON LO HAI GIÀ’ FATTO, AIUTACI A CONDIVIDERLO CON I TUOI AMICI

TI BASTA UN PICCOLO CLICK 😉

 

Condivisioni

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*