!!! FLASH NEWS !!!

Facebook dubita dei governi: sfruttano le false notizie

Facebook lancia ufficialmente l'allarme: anche i governi e le loro organizzazioni vicine sfruttano le bufale che si diffondono a macchia d'olio attraverso i Social, per manipolare nientemeno che i propri cittadini.

Facebook dubita governi sfruttano false notizie
Condivisioni

È proprio Facebook a lanciare ufficialmente l’allarme, anche i governi, o molto spesso organizzazione che potrebbero essere considerate vicine agli enti governativi di alcuni Paesi, traggono illeciti vantaggi approfittando delle ormai troppe bufale che si divulgano online attraverso i Social, con l’unico scopo di manipolare nientemeno che i propri cittadini.

Quasi sempre, però, gli autori dei post riportanti le notizie ingannevoli si nascondono dietro falsi profili, rendendo davvero complicato capire con chi realmente si ha a che fare.

 Di una cosa sono però tutti certi, durante le ultime elezioni in USA, sono stati indiscutibilmente creati un bel po’ di falsi profili con l’unico scopo di diffondere bufale online.

Il colosso dei Social Network ha così voluto riferire a tutti i propri utenti quello che sta facendo per tentare di contenere il fenomeno, che potrebbe purtroppo facilmente riverificarsi in occasione delle stagioni elettorali di altri Paesi, anche se, secondo le dichiarazioni del portavoce di Facebook, l’attività reale dei falsi profili, nati esclusivamente con lo scopo di divulgare menzogne, è stata in USA statisticamente poco rilevante rispetto al coinvolgimento generale nei confronti delle questioni politiche.

Facebook dubita governi sfruttano false notizieSubito dopo le presidenziali americane, quando il Social era stato bollato come il mezzo principale per la diffusione di bugie a stampo politico, il suo fondatore Mark Zuckerberg aveva disapprovato con forza l’idea, ora, fa ammenda e corre ai ripari.

Per combattere tale fenomeno, la piattaforma ha infatti deciso di eseguire un nuovo e più meticoloso controllo a tappeto su tutti i profili dei propri iscritti, rimuovendo immediatamente tutti quelli risultanti falsi.

In Francia per esempio, in occasione delle elezioni, ne sono stati identificati circa 30 mila!

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere e non dimenticate di iscrivervi alla nostra Newsletter (form sul fondo) o al nostro Feed RSS per rimanere sempre aggiornati sugli ultimi articoli pubblicati.

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO?

SE NON LO HAI GIÀ’ FATTO, AIUTACI A CONDIVIDERLO CON I TUOI AMICI

TI BASTA UN PICCOLO CLICK 😉

Condivisioni

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*