!!! FLASH NEWS !!!

Deframmentare il disco fisso con gli strumenti integrati in Windows 10

Quando il computer inizia ad avere problemi di prestazioni, spesso il problema sta nel disco fisso. Possiamo però provare a risolvere tutto con la deframmentazione e rendere l'operazione completamente automatica.

Deframmentare il disco fisso
Condivisioni

Quando il vostro computer inizia ad affannarsi anche di fronte ad operazioni banali come avviare un’app o salvare un documento, l’hard disk dovrebbe essere in assoluto il primo elemento da verificare, specialmente se siete soliti installare e disinstallare parecchi programmi, magari anche solamente per provarli.

Così facendo, infatti, il pericolo principale è che i file memorizzati sul disco fisso vadano ad impiegare lo spazio in modo caotico, obbligando il PC ad affaticarsi molto di più anche per svolgere i compiti più elementari.

Fortunatamente però, Windows 10 integra un ottimo strumento in grado di  risolvere questo problema, l’app Deframmenta ed ottimizza unità.

Una volta avviata, disporrete di tutti i mezzi necessari a svolgere una rapida analisi alla ricerca dei problemi ed estrarre un rapporto immediato sull’eventuale esigenza di deframmentare o ottimizzare il disco fisso.

Lo svolgimento delle operazioni, nel caso il grado di frammentazione sia molto elevato, potrebbe richiedere davvero molto tempo, ma in compenso è possibile rendere il tutto completamente automatico, programmando i lavori ad orari regolari. Vediamo come fare.

Deframmentare il disco fisso con l’app Deframmenta ed ottimizza unità di Windows 10

Per avviare l’app Deframmenta ed ottimizza unità di Windows 10, è sufficiente aprire il campo di ricerca ed iniziare a digitare la parola deframmenta. In alternativa potete, come sempre, chiedere a Cortana di farlo per voi.

Deframmenta e ottimizza unita

Ora che vi trovate di fronte alla finestra principale dell’app, potrete vedere al centro l’elenco di tutte le unità connesse al PC con accanto la percentuale di frammentazione. Selezionate quindi l’unità C: e cliccate su Analizza. Attendete il termine dell’analisi e cliccate su Ottimizza.

Deframmenta e ottimizza unità
Deframmenta e ottimizza unità

Per rendere l’operazione di deframmentazione ed ottimizzazione dell’unità completamente automatica, nella sezione Ottimizzazione pianificata sul fondo della finestra cliccate su Modifica impostazioni. Spuntate quindi Esegui in base a una pianificazione e scegliete la frequenza di svolgimento tra quotidiana, settimanale o mensile.

Deframmenta e ottimizza unità
Deframmenta e ottimizza unità

Cliccate infine su Scegli, selezionate le unità da includere nell’ottimizzazione e confermate con OK.

Deframmenta ed ottimizza unità
Deframmenta ed ottimizza unità

Ecco fatto, ricordatevi che la deframmentazione e l’ottimizzazione del disco fisso sono operazioni da non sottovalutare ma che purtroppo molto spesso vengono lasciate nel dimenticatoio, quando potrebbero magari da sole, essere in grado di risolvere buona parte dei problemi di lentezza del PC.

Via quindi alla deframmentazione ed ottimizzazione del vostro hard disk e non dimenticate di iscrivervi alla nostra Newsletter (form sul fondo) o al nostro Feed RSS per rimanere sempre aggiornati sugli ultimi articoli pubblicati.

TI E’ PIACIUTO L’ARTICOLO?

SE NON LO HAI GIÀ FATTO, AIUTACI A CONDIVIDERLO CON I TUOI AMICI

TI BASTA UN PICCOLO CLICK 😉

Condivisioni

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*